Incentivi

ECOBONUS E DETRAZIONI FISCALI

La tematica delle agevolazioni fiscali per l’efficienza energetica, dall’ecobonus alle altre forme di detrazione, è affrontata costantemente dagli organi preposti e, per questo, in continua evoluzione e aggiornamento.

Pertanto, mentre risulta difficile dare un quadro fisso della situazione attuale in continua via di sviluppo, è piuttosto semplice comprendere il senso generale della questione e la volontà di dare centralità e importanza all’argomento, legiferando continuamente ad hoc sulle specifiche problematiche e attività.

REDDITO D'IMPOSTA FOTOVOLTAICO - IL BONUS SUD

Il credito d’imposta o bonus sud per gli investimenti nel Mezzogiorno rappresenta un’importante opportunità per l’acquisto di beni strumentali come impianti fotovoltaici o led fino al 31 Dicembre 2019.

Il bonus investimenti Sud, entrato in vigore dal 1° marzo 2017, prevede un credito d’imposta del 45% per le piccole imprese, del 35% per le medie imprese e del 25% per quelle ancora più grandi spendibile nel medesimo anno. L’agevolazione è riservata ai tutti i Soggetti titolari di reddito di impresa che effettuano investimenti in beni strumentali da destinare alle aree produttive con sede in una delle seguenti regioni del Mezzogiorno: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo. Fanno eccezione: industria siderurgica, carbonifera, costruzione navale, fibre sintetiche, trasporti e delle relative infrastrutture, produzione e distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche, settori creditizio, finanziario e assicurativo e alle imprese in difficoltà. Da segnalare inoltre la possibilità di cumulare il credito d’imposta con il super ammortamento che, per il 2018, è stato confermato al 130%.

CONTO TERMICO

Il Conto Termico è un meccanismo di sostegno che incentiva interventi per l’incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili. Pubbliche Amministrazioni, Imprese e Privati potranno accedere a fondi per 900 milioni di euro annui.

Il Conto Termico incentiva interventi per l'incremento dell'efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili per impianti di piccole dimensioni. I beneficiari sono principalmente le Pubbliche amministrazioni, ma anche imprese e privati, che potranno accedere a fondi per 900 milioni di euro annui, di cui 200 destinati alle PA. Grazie al Conto Termico è possibile riqualificare i propri edifici per migliorarne le prestazioni energetiche, riducendo in tal modo i costi dei consumi e recuperando in tempi brevi parte della spesa sostenuta. Recentemente, il Conto Termico è stato rinnovato rispetto a quello introdotto dal D.M. 28/12/2012. Oltre ad un ampliamento delle modalità di accesso e dei soggetti ammessi (sono ricomprese fra le PA anche le società in house e le cooperative di abitanti), sono previsti nuovi interventi di efficienza energetica. E' stata inoltre rivista la dimensione degli impianti ammissibili e snellita la procedura di accesso diretto per apparecchi con caratteristiche già approvate e certificate. Il limite massimo per l'erogazione degli incentivi in un'unica rata è di 5.000 euro e i tempi di pagamento sono all'incirca di 2 mesi.